top of page

Madri minacciate di essere strappate via dai figli - Succede anche a Bolzano!


Il comitato "Femminicidio in Vita" in collaborazione con le azioni civili locali del M5S Alto Adige Südtirol, ha organizzato a Bolzano il 9° Congresso sulle Madri Strappate tenutosi in Consiglio Provinciale di Bolzano. I relatori dell’evento erano Imma Cusmai Presidente del Comitato Femminicidio in Vita, la Senatrice Orietta Vanin della commissione diritti umani e cultura - XVIII legislatura, il consigliere provinciale M5S Diego Nicolini, e in collegamento online anche l'on. Stefania Ascari, prima firmataria del Codice Rosso e membro della Commissione di inchiesta sul Femminicidio al Senato.

Durante la conferenza sono state illustrate alcune criticità della legge 54/06 in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli: un tema molto sensibile. Si è ricordato che la settimana scorsa si è tenuta al Parlamento Europeo una votazione in cui è stato dato il via libera alle risoluzioni che chiedono all’Unione Europea di aderire alla Convenzione di Istanbul, ma Lega e Fratelli d’Italia si sono astenuti.

“La Convenzione di Istanbul costituisce il primo strumento internazionale giuridicamente vincolante sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e le ragazze perché mette nero su bianco che il maltrattante non può sedersi allo stesso tavolo della vittima” spiega Imma Cusmai che sottolinea ancora una volta: “Il nostro governo non l’ha firmata. E le madri finiscono con l’essere ricattate, sulla base di quanto prevede la legge 54 del 2006 sull’affido condiviso.”

Anche in Alto Adige ci sono queste situazioni critiche. Il consigliere Diego Nicolini rammenta: “la nostra realtà territoriale primeggia per quanto riguarda ricchezza e benessere, ma anche in un’altra serie di classifiche. Quello del gap per la parità di genere, quello delle denunce per violenze di genere e quello dei suicidi. Ne siamo consapevoli e qualcosa si è mosso: dal 2021 esiste una legge provinciale per rafforzare prevenzione e contrasto della violenza di genere e di sostegno alle donne e ai loro figli, che cerca di attuare proprio la Convenzione di Istanbul."

Le vittime di aggressione sono anche i figli. Una delle maggiori preoccupazioni è quella di verificare lo stato di attuazione del Registro della bigenitorialità promosso dalla lobby Pillon e che ha dato ai Comuni il potere di inviare, ai genitori, corrispondenze doppie, in caso di lite. È un fatto abominevole, ma frequente, che sulla base di accuse di sindrome di alienazione parentale o di manipolazione o addirittura di plagio i figli non vogliano più vedere la madre. Poi si scopre che in realtà il padre è imputato o indagato per maltrattamenti, a volte anche con condanne definitive per violenze e abusi. Quindi oggi una madre si deve difendere da tesi ascientifiche e che sono fondate su una misoginia occulta.

Chi le donne le assiste tutti i giorni è l’operatrice della “Casa delle Donne” gestita dalla Cooperativa Gea Bolzano, Federica Criscenti, che durante il congresso è intervenuta per ricalcare la criticità della situazione territoriale: “vediamo tutti i giorni donne minacciate dai compagni con frasi del tipo “se te ne vai, ti tolgo i figli” che vivono con la paura costante, di incontrare gli ex compagni violenti a scuola del figlio, per portarselo a casa. Ci ripetono che è stata proposta loro una mediazione, in genere suggerita dagli avvocati del compagno, ma non ci stancheremo mai di ripeterlo: la mediazione, in situazioni di violenza, non può sussistere.”

Sono storie talmente disumane da sembrare surreali, che ci spingono a chiederci cosa avrà fatto mai una madre per vedersi portare via il figlio. Ma queste sono donne con la fedina penale pulita, che hanno avuto il “torto” di separarsi e magari denunciare il marito maltrattante.

Grazie al Congresso svolto a Bolzano sulle "Madri Strappate" siamo riusciti a mettere in contatto una vittima di violenza domestica e violenza assistita, che ha partecipato all'evento portando con sé il figlio, con la "Casa delle Donne Gea" di Bolzano.


Ringraziamo la già senatrice Orietta Vanin, l’onorevole Stefania Ascari, l’operatrice Federica Criscenti - casa delle donne centro Antiviolenza di Bolzano "Gea", la dott.sa Lara Letrari Ufficio Garante per l’Infanza di Bolzano, e la Presidente del Comitato Femminicidio in Vita e organizzatrice dell’evento Imma Cusmai , per avere contribuito alla ottima riuscita del Congresso.

Ecco alcune foto:









Condividilo su Facebook: clicca sull’icona “f” che trovi in fondo a questo articolo.



41 visualizzazioni0 commenti

Comentários


bottom of page